Slider

 

Laboratorio di danza Butoh in natura con musica dal vivo

condotto da Maruska Ronchi
musica dal vivo: Giordano Costi e Stefano Carniti

 

Come tutti gli esseri viventi e tutte le cose, siamo connessi alla terra e al cielo e in questo modo siamo connessi al tutto.
Sentirsi parte del tutto e risvegliare in sé il proprio movimento in modo libero e autentico cercando la verità dell’istante, mettendo in relazione il nostro respiro a quello della natura.
Attraverso un lavoro di esplorazione delle possibilità del corpo e aprendoci all’ascolto del nostro stato
interiore, usando l’immaginazione come motore del nostro movimento, entreremo in un luogo dove nascono le emozioni, avvengono trasformazioni, e dove il movimento nasce e si trasforma in danza.
Una danza che è continuo dialogo tra interno ed esterno, tra il corpo e lo spazio che lo circonda.

La vita è un continuo flusso di energia di cui facciamo parte. Lasciamola scorrere e lei stupirà e ci sorprenderà  ogni volta. La danza è la magia della vita.

“Per me il Butoh è una danza di trasformazione, un lavoro profondo sulla propria identità, di ricerca della propria identità intesa come il proprio essere originario e autentico ma anche di dissoluzione della stessa, fino ad arrivare a sentirsi parte del tutto, fino a diventare semplicemente un flusso di energia, una sostanza in movimento che si trasforma. Lasciarsi attraversare da flussi di energia, essere danzati.

La pratica Butoh che propongo è fortemente ispirata al JINEN butoh di Atsushi Takenouchi il mio maestro e mentore, al quale devo moltissimo, ma mi piace anche attingere anche dalle esperienze di altre tecniche e altri insegnanti che ho incontrato nel mio percorso. Cerco di trasmettere il butoh attraverso la mia personale esperienza di danzatrice butoh, danzatrice contemporanea e performer. Ciò che mi affascina è la ricerca sul movimento che è come un universo infinito.

Una parte del lavoro è dedicata ad un training che mira a rilasciare le tensioni superflue del corpo, e a lasciare che l’energia fluisca per trovare un movimento organico e senza sforzo. Una parte è dedicata all’improvvisazione guidata in natura con i diversi elementi che ci circondano, per trovare il proprio movimento profondamente connesso con noi stessi.“

Durante questi  giorni avremo la possibilità di connetterci con il nostro stato interiore più profondo, dedicarci a noi stessi, cominciare un processo di conoscenza del nostro essere più profondo e autentico, un processo di cura. Attraverso meditazione mattutina, un lavoro sul corpo,  cibo sano, e la danza in natura che ci permetterà di esprimere noi stessi  entrando in contatto con essa,  rispettandola e rispettandoci.

L’ultimo giorno sarà dedicato alle performance dei partecipanti.

 

previous arrow
next arrow
Slider